Slam Dunk (Suramu Danku)

Slam Dunk (Suramu Danku): recensione, scheda, trama, immagini e approfondimenti sul tuo cartone animato, anime, fumetto o manga preferito

Slam Dunk (Suramu Danku)
Slam Dunk (Suramu Danku) è un manga spokon giapponese di 31 volumi, scritto e disegnato dal mangaka Takehiko Inoue. La storia è ambientata nel mondo della pallacanestro liceale e ha ispirato un anime di 111 episodi, la cui trasmissione è iniziata il 16 ottobre 1993, e 4 film animati.

Anche se l’anime segue gli eventi del manga, spesso presenta scene in ordine diverso e contiene diverse sequenze aggiunte o tolte che ne modificano leggermente il contenuto. La produzione animata è stata interrotta a poco più della metà del manga su richiesta dell’autore, in quanto considerata troppo diversa e inadeguata. L’anime non ha quindi un vero e proprio finale, essendo stato troncato lo sviluppo.

Slam Dunk è uno dei manga più celebri in Giappone e nel mondo, poiché è stato il primo a contribuire in modo significativo alla diffusione e allo sviluppo del basket nella Terra del Sol Levante. Molti ragazzi hanno iniziato a praticare questo sport dopo aver letto l’opera di Inoue, che è un grande appassionato di pallacanestro fin da quando era bambino e ha dedicato a questo sport altri due suoi lavori (Buzzer Beater e Real).

La storia di Slam Dunk tratta la tematica dello sport con molto umorismo, in particolare attraverso il personaggio principale Hanamichi Sakuragi, che spesso si trova in situazioni tragicomiche. La storia affronta anche il tema del bullismo nelle scuole, che è sempre molto attuale. Inoltre, ci sono evidenti riferimenti all’NBA, la lega professionistica statunitense di basket considerata universalmente il miglior campionato di basket al mondo, come ad esempio le divise dello Shohoku, dello Shoyo, del Ryonan e del Kainan, che ricordano per colori e caratteri rispettivamente quelle dei Chicago Bulls, dei Boston Celtics, degli Orlando Magic e dei Los Angeles Lakers.

Scheda

  • Fumetto
    Autore: Takehiko Inoue / Editore: Shūeisha
  • Cartone Animato
    Regia: Nobutaka Nishizawa
  • Info
    Studio: Nobutaka Nishizawa / Genere: commedia, spokon

Trama

La formazione del team di basket della Shohoku

Hanamichi Sakuragi è un giovane delinquente che si iscrive al primo anno alla scuola superiore Shohoku, nella prefettura di Kanagawa. Sfortunato con le ragazze, diventa il bersaglio delle prese in giro dei suoi amici Mito, Okusu, Takamiya e Noma. Dopo essere stato scaricato da una ragazza che era innamorata di un giocatore di basket, Hanamichi comincia ad odiare lo sport, ma la situazione cambia quando incontra Haruko Akagi, una matricola come lui e appassionata di pallacanestro. La ragazza lo incoraggia ad entrare nella squadra di basket della scuola, attratta dalla sua altezza e forza fisica. Hanamichi accetta solo per poterla conquistare.

Al momento dell’iscrizione, la Shohoku è una squadra mediocre con un solo elemento di spicco, il fratello maggiore di Haruko, Takenori Akagi (subito soprannominato “Gorilla” da Hanamichi per via del suo aspetto imponente). L’arrivo di Kaede Rukawa, un fuoriclasse proveniente dalle scuole medie Tomigaoka, sembra aprire nuove possibilità. Sakuragi sviluppa nei confronti di Rukawa un fortissimo e comico dualismo a causa della forte infatuazione che Haruko ha nei confronti del nuovo arrivato, come molte ragazze della scuola. Hanamichi dimostra una notevole predisposizione per questo sport, anche se gli inizi sono estremamente problematici, dato che deve imparare alla perfezione i fondamentali prima di poter iniziare ad esercitarsi anche nei tiri e partecipare alle partite di allenamento. Ciò provoca in lui una profonda insofferenza, che lo porterà più di una volta a scontrarsi con Akagi.

La prima partita amichevole si disputa contro l’ottima squadra del Ryonan, le cui punte di diamante sono l’enorme centro Jun Uozumi e l’ala Akira Sendo, considerato uno dei migliori giocatori del basket liceale giapponese. Nonostante la sconfitta per 87-86, lo Shohoku dimostra di essere una buona squadra, trascinata dalle giocate di Akagi e Rukawa, i quali si rivelano entrambi ottimi attaccanti. Uozumi e Sendo non sono da meno, essendo due grandi finalizzatori. Nonostante sia al suo esordio assoluto nel basket, Hanamichi gioca bene, compensando la sua totale inesperienza con la prestanza fisica e con una grande determinazione. Crea non poco scompiglio sia fra i suoi compagni che fra i suoi avversari, facendosi notare soprattutto in fase difensiva per la sua grande abilità nel rimbalzo e segnando anche un canestro nel terzo tempo, che porta in vantaggio lo Shohoku a pochi secondi dalla fine. Sakuragi è convinto di aver vinto, e la sua esultanza anticipata permette al Ryonan di riportarsi in vantaggio all’ultima azione e di vincere la partita. Questo porterà Hanamichi a sentirsi in colpa dopo il match. Prima che inizino le eliminatorie, entrano in squadra altri due giocatori: Ryota Miyagi, playmaker piccolo di statura ma dotato di grande velocità e di un perfetto palleggio, e l’ottimo tiratore Hisashi Mitsui, MVP ai tempi delle medie poi dedito al teppismo. Mitsui entra in squadra dopo aver provocato una furibonda rissa in palestra (nel tentativo di far ricadere la colpa su Miyagi), ma poi viene convinto a tornare sulla retta via da Kogure, vicecapitano dello Shohoku, e soprattutto dall’allenatore Anzai, per cui prova un profondo rispetto.

Il torneo della prefettura di Kanagawa

Lo Shohoku, durante l’inizio del torneo della prefettura, vince facilmente contro le prime squadre dei licei Miuradai, Sumino, Takahata e Tsukubu, segnando più di cento punti a partita. In questi match, il vero trascinatore della squadra si rivelerà essere Rukawa, il cui impatto sarà devastante tanto da esser definito “la super matricola”. Sakuragi, invece, si farà notare soprattutto per l’alta percentuale di ammonizioni, con venti falli e quattro espulsioni. Lo Shohoku raggiunge facilmente la partita decisiva per l’accesso alle finali contro il fortissimo Shoyo, che l’anno precedente si era classificato al secondo posto dietro solo all’istituto imbattibile Kainan. La squadra del Kainan si è qualificata per il campionato nazionale da sedici anni consecutivi e gioca con il miglior giocatore di Kanagawa, Shinichi Maki. La partita è molto combattuta, ma lo Shoyo può contare sull’allenatore/capitano e playmaker Kenji Fujima e sul forte centro Toru Hanagata. Nonostante la marcatura box-and-one del difensore Kazushi Hasegawa, Mitsui riesce a sfruttare al meglio le sue abilità di clutch shooter mettendo a segno un considerevole numero di tiri da tre. Miyagi, nonostante non abbia la stessa popolarità di Maki e Fujima, si rivela perfettamente capace di rivaleggiare con quest’ultimo ricoprendo il suo stesso ruolo e aiutando più volte i suoi compagni a fare canestro con i suoi ottimi assist. È Rukawa però l’attaccante migliore dello Shohoku e segnerà il canestro decisivo che porterà la squadra alla vittoria per 62-60. Finalmente, Hanamichi ha l’occasione di mostrare il suo talento come rimbalzista, sebbene quasi tutti i titolari dello Shoyo fossero più alti di lui. Infatti, catturando i rimbalzi, ha intralciato lo Shoyo in attacco permettendo ai suoi compagni di andare a canestro indisturbati e realizzando persino una spettacolare schiacciata in faccia ad Hanagata. Subito dopo, tuttavia, viene espulso perché la sua azione viene considerata fallosa dall’arbitro. Nonostante ciò, il pubblico applaude la sua uscita dal campo.

La final four

La prima partita della final four vede lo Shohoku contro il temibile Kainan: vi giocano il playmaker Maki che è considerato il giocatore più forte di Kanagawa bravo nel segnare sotto canestro, la guardia tiratrice Soichiro Jin che probabilmente è anche più capace di Mitsui, e la matricola Nobunaga Kiyota, che gioca come ala, molto competitivo e infatti vuole mettere in ombra Sakuragi e Rukawa dato che vuole essere lui il rookie migliore del campionato. Akagi e Rukawa si fanno valere facendo molti canestri, inoltre quando Akagi si infortuna alla caviglia Hanamichi lo sostituisce come centro, giocando molto bene dimostrando di essere forte quasi quanto Akagi, sia nelle stoppate che nei rimbalzi, applicando tutti gli insegnamenti di Akagi. Infatti, nel primo tempo proprio perché Hanamichi ha giocato bene in difesa, Rukawa ha potuto dare il meglio come finalizzatore facendo tanti canestri, dovendo ricorrere a tutte le sue energie tanto che nel secondo tempo si è ritrovato senza forze. Hanamichi dimostra di essere migliorato anche in attacco, non solo con i suoi passaggi i suoi compagni di squadra sono andati più volte a canestro, ma lui stesso ne segnerà diversi, con la soddisfazione di aver prevalso contro Maki mettendo a segno una schiacciata anche se purtroppo il Kainan vince per 90-88 per via di un errore nell’ultimo possesso di Hanamichi e un’incredibile deviazione con un’unghia di Kiyota su tiro da tre di Mitsui destinato al canestro. Nel frattempo, il Ryonan ha sconfitto facilmente il Takezato 117-64. Nella seconda giornata anche lo Shohoku batte il Takezato, ma Sakuragi arriva in ritardo e si perde il primo tempo della partita visto che si era allenato anche la mattina stessa nel tiro sotto canestro addormentandosi subito dopo; Akagi tuttavia, decide di non schierarlo in campo nella ripresa, per non far vedere i suoi progressi al Ryonan.

Maki contro Sendo

Nell’altra partita, il Kainan si scontra con il Ryonan in un match ad altissimo livello tecnico, dove non basta una prestazione da fuoriclasse di Sendo. Infatti, Sendo, che viene riciclato come playmaker per fare posto alla rientrante e fortissima ala Fukuda, si trova a ingaggiare uno spettacolare duello con Maki. Quest’ultimo, all’inizio, rimane sorpreso dall’abilità del rivale in un ruolo a lui meno familiare e il Ryonan sembra essere in vantaggio per ottenere una incredibile vittoria. Ma superato il brutto momento, Maki si riprende e infonde forza e coraggio al resto della sua squadra. Egli affronta Sendo in modo diretto sfruttando la sua maggiore conoscenza del ruolo. Grazie al suo capitano e complice l’espulsione di Uozumi per aver commesso 5 falli, il Kainan recupera 15 punti di svantaggio, e ad essere decisivo è proprio Maki, che al termine dei tempi regolamentari, preferisce mandare il rivale a canestro senza fermarlo, per evitare che Sendo usufruisca di un basket count (se Sendo avesse segnato subendo fallo avrebbe usufruito di un tiro libero, e in quel momento il Kainan era in vantaggio di 2 punti). In seguito, il Kainan vincerà all’overtime.

Lo scontro decisivo

Dopo che Anzai viene colpito da un malore e soccorso da Hanamichi, lo Shohoku, scosso dalle condizioni del coach, si prepara per l’ultima partita contro il Ryonan, la quale deciderà quale delle due squadre si qualificherà per il campionato nazionale, insieme al Kainan che ha già battuto il Takezato. Uozumi si concentra sulla difesa, permettendo a Sendo e Fukuda di attaccare. Senza Anzai, lo Shohoku sembra completamente fuori gioco all’inizio della partita, soprattutto Akagi, sopraffatto dall’insicurezza per il recente infortunio e conscio che questa è la sua ultima possibilità di accedere al campionato nazionale. Dopo un time-out e un breve scontro con Hanamichi, il capitano si riprende e gioca un’ottima partita sia in attacco che in difesa. Inoltre, Hanamichi, avendo migliorato la sua tecnica di gioco, mostra le sue nuove abilità nel tiro libero dalla distanza ravvicinata. Nella prima metà della partita, Rukawa gioca una partita piuttosto modesta, ma nella seconda metà inizia a segnare un canestro dietro l’altro, risparmiando le forze per gli ultimi venti minuti (non ripetendo l’errore commesso contro il Kainan). Infatti, se all’inizio lo Shohoku era all’inseguimento della squadra avversaria, Rukawa trova la rimonta e porta a un notevole vantaggio, ma Sendo si rivela un giocatore più forte e un ottimo ball-handler, continuando a segnare sempre più canestri e riducendo il vantaggio dello Shohoku. Mitsui, troppo affaticato, sviene e lascia il campo, Kogure lo sostituisce e Hanamichi risulta decisivo nel finale, bloccando in successione i tre migliori giocatori avversari (Fukuda, Uozumi e Sendo) impedendo la rimonta del Ryonan. Inoltre, Hanamichi serve l’assist con cui Kogure segna la tripla che permette allo Shohoku di allungare il vantaggio. Sendo segna un ultimo canestro accorciando le distanze, ma in un’ultima azione Akagi, nonostante gli sforzi di Uozumi e Fukuda per impedirglielo, mette Sakuragi nella posizione di segnare il canestro del definitivo +4 con una spettacolare schiacciata in tap-in. Lo Shohoku accede dunque ai campionati nazionali come seconda classificata alle spalle del Kainan, Maki vince il premio di MVP e Akagi e Rukawa vengono inseriti nel miglior quintetto, insieme allo stesso Maki, al suo compagno di squadra Jin e a Sendo.

Il campionato nazionale interscolastico

Iniziano gli allenamenti in vista del campionato nazionale, che è previsto il mese successivo: in questo periodo lo Shohoku cerca di migliorare il più possibile giocando delle partite amichevoli contro il Josei, una delle otto squadre più forti del Giappone. Hanamichi resta a casa con l’allenatore Anzai per due partite e si sottopone ad un allenamento speciale per colmare la sua incapacità nei tiri in sospensione: in una settimana ne eseguirà ben 20.000 e, gradualmente, inizia a rendersi conto dei suoi errori, anche se rifiuta sempre di ammetterli pubblicamente, e ad affinare sempre di più la sua tecnica. Contemporaneamente si reca con Kyota e Maki del Kainan alla prefettura di Aichi per guardare altre squadre e talenti di basket al di fuori di Kanagawa, un esempio è la matricola Hiroshi Morishige che porta la sua squadra del liceo Meihou alla qualificazione nel campionato nazionale prevalendo contro la squadra dell’Aiwa dove gioca Dai Moroboshi. Intanto Anzai riesce a far desistere Rukawa dal proposito di voler recarsi negli Stati Uniti, ritenendo non adatto, malgrado il suo enorme talento, di superare ancora campioni come Sendo. Quest’ultimo poi diviene il nuovo capitano del Ryonan, dopo che Uozumi e Ikegami, lasciano la squadra senza aspettare la fine dell’anno scolastico.

Al campionato nazionale interscolastico (che si tiene a Hiroshima) prendono parte 59 squadre, di cui però cinque accedono direttamente al secondo turno mentre le restanti 54 si affrontano in partite a eliminazione diretta. Allo Shohoku nel primo turno capita subito una squadra molto forte, il Toyotama, che annovera tra le sue fila i tre migliori marcatori della prefettura di Osaka: il playmaker Itakura, l’ala grande Kishimoto e l’ala piccola Minami, leader della squadra. Il loro gioco è basato sul run and gun, schema veloce ed iper-offensivo; grazie ad esso e al talento dei suoi giocatori il Toyotama si porta in vantaggio e si mantiene davanti per tutto il primo tempo. Nel secondo tempo però la squadra si sfalda, emergono contrasti interni e lo Shohoku cambia marcia: tutti i suoi giocatori iniziano a rendere al massimo, in particolare Rukawa, nonostante l’occhio nero a causa di una gomitata intenzionale di Minami, ed il tiratore Mitsui; Hanamichi, dopo un inizio in sordina, riesce a giocare un’ottima partita dimostrando tutta la sua nuova abilità nei tiri dalla media distanza. Le sorti della partita vengono ribaltate e a nulla vale il forcing finale di Minami: lo Shohoku passa il turno e va ad affrontare il Sannoh della prefettura di Akita, la squadra più forte del basket liceale giapponese, detentrice del titolo da 4 anni.

Prima dell’incontro lo Shohoku rivede le registrazioni del campionato scolastico nazionale dell’anno precedente, dove già giocavano tutte le stelle attuali del Sannoh. Rimangono tutti stupiti quando vedono la loro facile vittoria contro il Kainan, con un vantaggio di 30 punti. Il Sannoh ha un playmaker di talento, Fukatsu, e i fratelli Kawata, con Masashi che è il centro più forte del Giappone (passato da 165 a 190 cm in un solo anno e capace di giocare in tutte le posizioni) e Mikio che è il giocatore più alto del campionato anche se è solo una matricola (210 cm) e bravo nel tiro sotto canestro. Ma il miglior giocatore della squadra è l’ala piccola Sawakita, il più abile tra i giocatori delle scuole superiori giapponesi, che sta per trasferirsi negli Stati Uniti. All’inizio della partita Hanamichi segna una schiacciata dalla linea del fallo, provocando i suoi avversari. Masashi e Sawakita capiscono subito che lui è un avversario temibile. Dopo un primo tempo equilibrato, lo Shohoku conduce di due punti grazie a una prestazione strepitosa di Hanamichi e Mitsui, ma il Sannoh ha giocato a ritmi molto bassi per studiare gli avversari. All’inizio del secondo tempo, un micidiale attacco del Sannoh ribalta la partita e porta i campioni in carica in vantaggio. Masashi dimostra tutta la sua superiorità su Akagi, che non riesce a competere con lui. Masashi è un giocatore formidabile sia in difesa che in attacco, mentre Sawakita è praticamente immarcabile quando va a canestro, mettendo a segno i suoi teardrop e portando la squadra sul +24.

In questa fase, Anzai richiama Hanamichi in campo, il cui comportamento apparentemente arrogante riesce a motivare i suoi compagni e a cambiare le sorti dello Shohoku, che passa all’attacco. Rukawa, fino ad allora sopraffatto da Sawakita, si riprende e supera più volte il suo avversario diretto, coinvolgendo anche i suoi compagni in un’azione offensiva dimostrando di essere un bravo passatore con i suoi assist. La sua fissazione nel voler battere Sawakita in uno contro uno gli aveva impedito di esprimere appieno il suo talento. Mitsui, nonostante la stanchezza, segna numerosi tiri da tre punti. Tuttavia, è Hanamichi a essere il vero trascinatore della squadra, esibendo una prestazione straordinaria sia in attacco che in difesa, riuscendo a prevalere su Masashi, mentre Akagi non riesce nemmeno a tenergli testa.

Verso la fine della partita, Hanamichi subisce un infortunio alla schiena, ma grazie alla sua passione per la pallacanestro e alla sua volontà di superare Rukawa, trova la forza per continuare a giocare. Con le sue stoppate, supera Sawakita e Mikio, e con un tiro sospeso segna il canestro decisivo per la vittoria per 79-78. Rukawa gli passa la palla a due secondi dalla fine della partita, rinunciando a tentare il tiro a causa della marcatura di Masashi e Sawakita, e questo suscita lo stupore generale. Lo Shohoku sconfigge il Sannoh compiendo un’impresa storica. Tuttavia, la squadra di Akagi viene sconfitta nella partita successiva contro l’Aiwa di Moroboshi, a causa della stanchezza accumulata nella partita contro il Sannoh. Hanamichi non gioca a causa di un grave infortunio alla schiena.

Miyagi diventa il nuovo capitano della squadra dello Shohoku, mentre Rukawa viene convocato per giocare nella nazionale giovanile del Giappone. Hanamichi, invece, si dedica alla riabilitazione per tornare a giocare.

Personaggi

Hanamichi Sakuragi, Takenori Akagi, Haruko Akagi, Kaede Rukawa, Hisashi Mitsui, Kiminobu Kogure, Ryōta Miyagi, Yōhei Mito, Ayako, Mitsuyoshi Anzai, Shinichi Maki, Tōru Hanagata, Kenji Fujima, Kicchō Fukuda, Sōichirō Jin, Nobunaga Kiyota, Hikoichi Aida, Yoshinori Miyamasu, Kazushi Hasegawa, Kazunari Fukatsu, Akira Sendō.

Episodi

  • Ep. 01 È nato un genio del basket!?
  • Ep. 02 E chi sarebbe questo Rukawa?
  • Ep. 03 Gorilla contro Hanamichi
  • Ep. 04 Hanamichi entra in squadra
  • Ep. 05 Un pomeriggio da smidollati
  • Ep. 06 Sfida tra due campioni
  • Ep. 07 Il debutto di Hanamichi
  • Ep. 08 La trappola del Judo
  • Ep. 09 Io giocherò a basket
  • Ep. 10 Gioco di mano
  • Ep. 11 Un allenamento molto speciale
  • Ep. 12 La sera prima della partita
  • Ep. 13 I due gorilla
  • Ep. 14 L’attacco del Ryonan
  • Ep. 15 Non sono nervoso!
  • Ep. 16 L’allenatore nel pallone
  • Ep. 17 Quel dannato rimbalzo
  • Ep. 18 Gli ultimi due minuti
  • Ep. 19 Time up!
  • Ep. 20 Per un paio di scarpe da basket
  • Ep. 21 I ragazzi terribili
  • Ep. 22 La nascita della peggior coppia di idioti della storia
  • Ep. 23 L’ultimo giorno del club di basket
  • Ep. 24 Un aiuto piovuto dal cielo
  • Ep. 25 Il primino sul tetto del mondo
  • Ep. 26 La crisi dei 15 anni
  • Ep. 27 Voglio giocare a basket!
  • Ep. 28 Inizia il torneo interscolastico
  • Ep. 29 Il debutto ufficiale di Hanamichi
  • Ep. 30 La riscossa dei pentiti
  • Ep. 31 L’arma segreta del Murudai
  • Ep. 32 Dunk!!
  • Ep. 33 Il re delle espulsioni
  • Ep. 34 Gli insegnamenti del gorilla
  • Ep. 35 Quando il gioco si fa duro
  • Ep. 36 Arriva lo Shoyo!
  • Ep. 37 Hanamichi gioca dall’inizio!?
  • Ep. 38 La reazione di Rukawa
  • Ep. 39 Ryota il lampo
  • Ep. 40 Il re dei rimbalzi
  • Ep. 41 Fujima entra in campo
  • Ep. 42 L’asso dello Shoyo
  • Ep. 43 Mitsui al limite!?
  • Ep. 44 La tempesta dei tre punti
  • Ep. 45 Il punto debole dello Shohoku
  • Ep. 46 Vai a canestro, Hanamichi
  • Ep. 47 La sfida di un vecchio rivale
  • Ep. 48 L’uomo che voleva battere il Kainan
  • Ep. 49 L’ultima battaglia del Takezono
  • Ep. 50 Sfida ai campioni
  • Ep. 51 Hanamichi scatenato
  • Ep. 52 L’arma segreta del Kainan
  • Ep. 53 Il gorilla infortunato
  • Ep. 54 Il fratello di King Kong
  • Ep. 55 Il dominatore della partita
  • Ep. 56 Maki al massimo
  • Ep. 57 La strategia di Anzai
  • Ep. 58 Rincorsa tenace
  • Ep. 59 Gli ultimi 10 secondi
  • Ep. 60 Lo Shohoku sul baratro
  • Ep. 61 Il rapato alla riscossa
  • Ep. 62 Tre giorni di super allenamento
  • Ep. 63 Scontro al vertice tra Kainan e Ryonan
  • Ep. 64 Dimostrazione di forza
  • Ep. 65 Il duello tra Sendo e Maki
  • Ep. 66 La scommessa di Sendo
  • Ep. 67 L’ultima partita: Shohoku contro Ryonan
  • Ep. 68 Testa Rossa il salvatore
  • Ep. 69 Gorilla Crisis
  • Ep. 70 Gorilladunk II
  • Ep. 71 L’urlo della riscossa
  • Ep. 72 La grande umiliazione
  • Ep. 73 Shohoku vs Ryonan, secondo tempo
  • Ep. 74 L’avversario piú pericoloso
  • Ep. 75 Fine play
  • Ep. 76 Presagio di vittoria
  • Ep. 77 Siete forti, ragazzi
  • Ep. 78 Il rientro di Uozumi
  • Ep. 79 La marea blu
  • Ep. 80 L’elemento instabile dello Shohoku
  • Ep. 81 Inarrestabile Sendo
  • Ep. 82 L’esplosione del principiante
  • Ep. 83 La grinta dietro le lenti
  • Ep. 84 Vittoria e sconfitta
  • Ep. 85 Una nuova sfida!
  • Ep. 86 L’ambizione di Rukawa
  • Ep. 87 Diventare il numero uno
  • Ep. 88 Nel paese del basket
  • Ep. 89 Rukawa il terribile
  • Ep. 90 Il vero asso dello Shohoku
  • Ep. 91 Il team degli insufficienti
  • Ep. 92 Amicizia virile
  • Ep. 93 La sfida dei 20000 tiri
  • Ep. 94 Shohoku vs Josei
  • Ep. 95 Il giorno piú caldo di Hanamichi
  • Ep. 96 Scarpe da basket II
  • Ep. 97 Il ritorno di Uozumi
  • Ep. 98 Shohoku vs Shoyo/Ryonan
  • Ep. 99 L’avversario piú forte
  • Ep. 100 L’uomo dei miracoli
  • Ep. 101 Slam Dunk

Sigla

Immagini

Le immagini non appartengono a animecartoon.it, ma sono state trovate in rete.