Cosa sono i webtoon?

I webtoon sono fumetti pensati per essere letti su uno schermo scorrendo dall’alto verso il basso senza mai dover cambiare pagina

Cosa sono i webtoon?
Cosa sono i webtoon. I webtoon sono un fenomeno nato nella Corea del Sud. Sono fumetti pensati per essere letti su uno schermo (quindi su PC, smartphone o tablet), scorrendo dall’alto verso il basso senza mai dover cambiare pagina. A differenza dei classici fumetti online, o a quelli stampati e adattati per la fruizione sui vari dispositivi, nei webtoon sono presenti alcuni elementi che su carta non sono sfruttabili: ad esempio, suoni e piccole animazioni inserite nel flusso delle vignette.

Cos’è un Webtoon?

Con il termine “Webtoon” si intende un tipo di fumetto digitale che si può “scrollare” sui propri dispositivi. Una semplice evoluzione che in un decennio ha conquistato il mercato riuscendo a mettersi alla pari col fumetto cartaceo.

Secondo i dati citati a fine 2020 dal Korea JoongAng Daily, in Corea del Sud, durante la pandemia, i lettori di webtoon sono aumentati di quasi il 40%. Durante il 2019, invece, i nuovi webtoon pubblicati erano stati più di 2.700 e l’intero settore ebbe ricavi pari a quasi 500 milioni di euro.

Come sono fatti i webtoon?

I webtoon, essendo pensati per smartphone, tablet e PC, hanno una maggiore fluidità perché senza i limiti dei riquadri affiancati di una pagina e senza un limite massimo di pagine. Inoltre, internet permette di fare fumetti a colori senza spendere troppo. Infine, siccome in Corea del Sud la censura online funziona in modo diverso rispetto a quella su carta, i webtoon tendono a essere molto più espliciti rispetto ai manwha (i fumetti coreani).

La storia dei webtoon

I fumetti sudcoreani si chiamano “manwha“. I manwha, a differenza dei manga giapponesi, si leggono da sinistra a destra. Inoltre, la parola “manwha” viene usata per identificare sia i fumetti cartacei che i “cartoni animati” (invece in Giappone si parla di “anime”).

Furono pubblicati negli anni ’90, qualche anno dopo l’arrivo in Corea del Sud dei primi manga giapponesi. Tra la fine degli anni ’90 e i primi anni 2000 i manwha iniziarono a farsi notare in alcuni paesi asiatici diventando parte di una grande corrente culturale nota come “hallyu“.

Poi, nel 2003, il portale web coreano Daum (che offre di tutto, dalla messaggistica allo shopping) inventò questo nuovo “optional” per i propri utenti lanciando il sito “Daum Webtoon“. Alcuni mesi dopo nacque anche “Naver Webtoon” (oggi noto solo come “WEBTOON”).

All’inizio i webtoon erano “manwha” caricati tali e quali su internet. Poco dopo nacque l’idea di riformattare i fumetti per far sì che li si potesse leggere dall’alto verso il basso.

Il successo dei webtoon

I primi siti di webtoon iniziarono a pubblicare centinaia di nuovi fumetti (offerti gratuitamente perché i siti facevano affidamento sui ricavi pubblicitari). Poi, dal 2013, arrivarono i primi casi di successo di siti e case editrici che iniziarono a offrire contenuti a pagamento (o dietro abbonamento oppure vendendo a piccoli prezzi ogni singolo numero dei propri webtoon).

Con il passare degli anni i webtoon (riadattati e con nuovi nomi e diversi riferimenti culturali) hanno avuto successo in molti paesi asiatici (tra cui Indonesia e Thailandia).

Per quanto riguarda l’Occidente, il caso più interessante è quello della Francia: nel 2011 fu aperta la versione francese di WEBTOON (Delitoon) e oggi ha oltre un milione di lettori.

Sono 3 i grandi classici offerti dal mondo Webtoon e che hanno portato al successo il nuovo formato: Lookism, Le Avventure di Dio, Ghost Wife.

  • Lookism“: racconta le avventure di uno studente di liceo che si sveglia un giorno scoprendo di avere due corpi, uno estremamente affascinante la sera e uno normale di giorno).
  • Le Avventure di Dio“: Dio è stato rivisitato in una versione molto più umana, quindi con problemi di alcool e autostima e che si diverte a creare il suo alter-ego Lucy (Lucifero) e ad utilizzare l’arcangelo Gabriele per spericolati esperimenti genetici.
  • Ghost Wife“: storia di una studentessa del liceo che riesce a far innamorare un ragazzo perfetto. Bello, simpatico, intelligente, amato dalla sua famiglia e dai suoi amici e che non vede l’ora di sposarla. Unico particolare: è un demone che mangia gatti.